Davide D'Alessandro Reviews the Italian Release of Tyrants: A History of Power, Injustice, and Terror

April 27, 2018

Nel fondo buio di ognuno si annida un potenziale tiranno. “Giardiniere”, “riformatore” o “millenarista”, sempre potenziali tiranni siamo, anche se le differenze possono essere sostanziali e Waller R. Newell, professore di Scienze politiche e Filosofia presso la Carleton University di Ottawa, in un libro suggestivo, tradotto da Gian Luigi Giacone per Bollati Boringhieri, ne delinea i tratti principali, con nomi e cognomi, ripercorrendo 2.500 anni di strada piuttosto accidentata, di guerre, di barbarie, di sottomissioni, di inevitabile e ripetuto terrore. Se tra i tiranni “giardinieri” compaiono, tra gli altri,  Nerone,Franco, Duvalier e Mubarak, “che dispongono dello Stato e della società come di una personale proprietà, per il proprio piacere e beneficio e a favore esclusivo del proprio clan e dei propri sodali, e il cui potere sfocia spesso e volentieri nell’eccesso edonistico e nella crudeltà gratuita”; tra i tiranni “riformatori” figurano Alessandro Magno, Giulio Cesare, i Tudor, Napoleone e Atatürk, “animati da un sincero desiderio di migliorare la società, ma altresì accecati dal perseguimento di fortuna e gloria a scapito di ogni legge e democrazia”; tra i tiranni “millenaristi” incontriamo Robespierre, Lenin, Stalin, Hitler, Mao e gli odierni jihadismi, “guidati dall’impulso di imporre un regime utopico a cui l’individuo deve sottostare per il bene collettivo e in cui ogni privilegio è sradicato fino a raggiungere l’eccesso in uno Stato di polizia attraverso l’omicidio di massa e il genocidio”.

 

Read More At: 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square